consulente del debito - francesca scarpetta

Sai perché le persone sbagliano a scegliere? Perché sono poco lucide. Quando c’è un pignoramento in atto, è ancora più facile fare errori e affidarsi a consulenti che non risolvono il tuo debito, ma peggiorano ancora di più la situazione.

Me lo raccontano gli stessi esecutati, la prima volta che ci stringiamo la mano per iniziare uno stralcio immobiliare. Mi dicono che si sono rivolti a diversi professionisti, ma nessuno di questi è riuscito a risolvere davvero la loro situazione, a infondergli una speranza concreta.

Sì – mi dicono – si presentano tutti allo stesso modo. Sorriso smagliante, fiducia, “forza ce la faremo”. Poi alla fine le promesse crollano di fronte ai fatti.

La realtà è che trovarsi in una emergenza debiti toglie alla vittima ogni razionalità e allora scegliere la persona giusta diventa davvero difficile. Spesso, si hanno pochi elementi per decidere, non si conosce bene il mercato e quali sono i professionisti in grado di offrire un aiuto concreto.

In questo articolo ti racconto come fare a non perdere la calma e a trovare il consulente del debito in grado di risolvere i tuoi problemi.

Stralcio immobiliare: i primi tentativi a vuoto

Un pignoramento è come un macigno che ti cade sulla testa. Quando ti succede sei scisso tra la voglia di raccontare e cercare conforto, e la vergogna che provi nel dover condividere con gli altri quello che consideri un tuo fallimento.

Allora succede che, quando trovi la forza di metterti in piedi e affrontare il sovraindebitamento, tu decida di parlarne con un amico, quello saggio che ha sempre saputo darti il consiglio giusto.

L’amico sembra saperne tutto della materia e ti dice per filo e per segno come devi comportarti, consigliandoti infine qualcuno che può aiutarti.

Questo, tuttavia, accade in pochi casi. La maggior parte delle volte, l’amico non ne sa nulla dell’argomento e quello che ti dice è solo per confortarti. Pertanto, fai attenzione alle sue parole: possono condurti sulla strada sbagliata. Anche se ti vuole bene, o se è una brava persona, la sua volontà di aiutarti e trovare una soluzione per te, rischia di precipitarti ancora di più nel baratro.

Dopo aver parlato con il tuo amico, potresti scegliere di rivolgerti ad un professionista che possa aiutarti. La prima cosa che ti viene in mente è: “Adesso, vado in un’agenzia immobiliare, mi faccio valutare la casa e poi la vendo”.

L’agente immobiliare, tuttavia, non è precisamente la persona che fa al caso tuo. D’altronde, una casa pignorata non può essere venduta senza un previo accordo coi creditori. Ci sono tantissimi cavilli da risolvere e quindi, anche in questo caso, torni a casa sconfitto. Hai cercato aiuto in un professionista, ma ti sei rivolto alla persona sbagliata.

Il pignoramento poi può portarti nell’ufficio del tuo avvocato di fiducia: “Di sicuro – pensi – lui ne saprà più di me”. Un avvocato può sicuramente consigliarti nel modo migliore, ma non è la persona che davvero può aiutarti.

Come può un avvocato aiutarti, per esempio, a trovare un compratore?

Per risolvere un atto di pignoramento immobiliare, servono tante armi al tuo arco. La principale? Sono i soldi, i capitali. Senza, non convinci nessuno a stralciare il credito che vanta nei tuoi confronti. Quindi è il caso proprio di dirlo, “senza soldi non si cantano messe”.

Una rete che solo pochi possono vantare

Un amico, l’avvocato e l’agente immobiliare sono figure fondamentali. L’amico ti appoggia e ti sostiene emotivamente. L’avvocato può darti consigli utili su quali sono i tuoi diritti come debitore. Mentre un agente immobiliare riesce a farti capire quanto vale il tuo appartamento sul mercato, e quanti soldi puoi pensare di ottenere dalla vendita. L’agente immobiliare è poi fondamentale perché ti aiuta a trovare un nuovo appartamento, visto che il primo lo perderai con la procedura di pignoramento.

Queste figure, soprattutto i professionisti, possono essere ancora più utili se lavorano in stretta sinergia. In un’orchestra ci possono essere i più bravi musicisti. Ognuno preso singolarmente è un talento, magari. Eppure, cosa succede alle performance di quell’orchestra se manca un maestro a dirigere?

Questa metafora può essere trasportata allo stesso modo in un saldo a stralcio immobiliare. Immagina i professionisti come i musicisti e il consulente del debito come il maestro in grado di farli collaborare nel modo migliore.

Ti faccio un esempio che ti aiuta anche a capire come funziona un saldo e stralcio.

La rete del Saldo e Stralcio in azione

Ipotizziamo che tu ti sia rivolto al tuo avvocato per ottenere una ristrutturazione debiti con pagamento a stralcio. L’avvocato in questione conosce i suoi limiti e sa che può aiutarti solo fino a un certo punto.

Allora cosa fa? Prende il telefono e chiama un consulente del debito, un professionista capace di creare una strategia per risolvere il pignoramento a saldo e stralcio.

Mi soffermo un attimo su una parola decisiva: strategia. Nel saldo a stralcio immobiliare, come in tutte le altre forme di business, riesce bene chi ha una strategia. Chi ha, in altre parole, una visione per arrivare da un punto A a un punto B.

Un buon consulente del debito è quello che ha un piano chiaro su:

–          Quali carte giocare in trattativa con i creditori

–          Quali sono i canali da sfruttare per trovare un compratore

–          Come fare (il più possibile) i vantaggi del suo cliente

Torniamo ora all’esempio con cui siamo partiti. Una volta messo in azione, il consulente del debito è bravo a coordinare gli altri professionisti coinvolti nell’operazione e a muoversi contemporaneamente su più fronti.

Da una parte, infatti, avvia le trattative con i creditori per capire quali sono le loro richieste e i margini per stralciare. E dall’altra si attiva per cercare un compratore, se non ha intenzione di investire in prima persona.

Ora è chiaro, che se fosse da solo, non saprebbe gestire tutte queste cose e ha bisogno di coordinare una squadra di professionisti. Abbiamo già parlato del ruolo decisivo che svolge l’avvocato in una prima fase della trattativa per lo stralcio debiti.  Ora raccontiamo l’importanza dell’agente immobiliare. È lui, infatti, a conoscere meglio di chiunque altro il mercato locale, a intuirne le esigenze. È proprio con il suo aiuto che il consulente del debito trova il compratore giusto nel minor tempo possibile.

Sull’importanza dell’agente immobiliare in un saldo e stralcio, ti invito a leggere il mio articolo su Wikicasa, 3 opportunità del Saldo e Stralcio per agenti immobiliari.

Identikit del consulente del debito perfetto

Abbiamo chiarito che il saldo e stralcio è un gioco di squadra e che un bravo consulente ha un team che lavora per lui, avvocato, commercialista, ma anche notai ed esperti di marketing. Ora tracciamo un profilo del consulente del debito perfetto e come individuarlo.

Ecco quali sono 5 caratteristiche che un consulente del debito deve avere quando effettua stralci:

  1.   Empatia. Se non riesci dopo i primi giorni a fidarti della persona che hai di fronte, se non si stabilisce un buon rapporto, allora quel consulente non fa al caso tuo. In un saldo a stralcio immobiliare il rapporto di empatia che si stabilisce tra esecutato e consulente è la base da cui deriva il successo di un’operazione.
  2.   Esperienza. Quante persone quel consulente ha già aiutato? Se non sa raccontarti delle storie di successo, allora non può dimostrare realmente le sue competenze. Chiedigli di parlarti delle persone che hanno usufruito dei suoi servizi.
  3.   Negoziazione. Un buon negoziatore si riconosce subito. Non perde mai la calma nelle situazioni complesse, ha la voce ferma, una grande dose di autostima e sa come persuadere gli altri a seguire la sua strategia. Un consulente del debito senza abilità di negoziazione è come una bella macchina senza motore.
  4.   Pazienza. Il saldo e stralcio non è per tutti. Se il tuo consulente ha fretta di chiudere una trattativa, perché vuole aprirne subito un’altra, allora commetterà degli errori che rischiano di far crollare la strategia, anche buona magari, che ha messo in piedi. Aspettare non vuol dire, tuttavia, stare fermi, ma capire quando i tempi sono maturi per far partire una determinata attività.
  5.   Competenze. Un consulente del debito non è mai un tuttologo. Anzi, diffida da chi pensa di sapere tutto e il contrario di tutto. Tuttavia, anche se si servirà dei suoi collaboratori per decodificare informazioni a cui da solo non può accedere, il consulente del debito ha una conoscenza a 360 gradi del mercato immobiliare, delle sue logiche. Se ti accorgi che il consulente che hai scelto non è poi così preparato, cambialo in corsa per evitare che possa arrecarti più danni che vantaggi.

Consulenza debiti: come cercare aiuto

Se i dubbi che hai non si sono esauriti con questo articolo, non preoccuparti.  Partecipa al prossimo Workshop sul Saldo e Stralcio e sarò felice di offrirti consigli su come devi muoverti per fare meno errori possibili.

Mi raccomando, fermati a pensare prima di fare qualsiasi mossa preso dall’impazienza. Un errore, anche se commesso in buona fede, può inficiare tutta l’operazione e creare molti più ostacoli al consulente del debito bravo che ha intenzione di aiutarti.

Ci vediamo al Workshop sul Saldo e Stralcio!